Sezione: Attualità : Papua Nuova Guinea

Papuasia Nuova Guinea

UN POPOLO FELICE E FIERO DELLA PROPRIA FEDE
Pierrette Gagnon, fds

Festeggiando il 50mo anniversario dell'arrivo dei loro primi missionari, i Papua festeggiano la loro fierezza e la loro gioia di credere. «Rallegriamoci; la Parola di Dio brilla nelle tenebre e ci conduce a Dio!» Questo il tema scelto per questo tempo di festa. Celebrare, fare festa, danzare! La vita e la fede sono una cosa sola per questo popolo che ha colto l'intimo del messaggio evangelico. Nel programma delle feste, in questo 11 agosto 2013, è il turno dei Kiwais di Daru di esprimere la loro riconoscenza. Costoro hanno sempre avuto la reputazione di essere i migliori danzatori della Provincia e stanno per darne la prova una volta di più!

 Album foto

Attendere fa parte della festa
La settimana di festa comincia all'areoporto di Daru all'arrivo di Mgr Gilles Côté, smm e delle Suore Lucie e Pierrette Gagnon, Figlie della Sapienza. Danze, collane di fiori, tamburi, canti, vi è tutto per inaugurare questa lunga settimana di celebrazione. Siamo condotte alla cattedrale dove centinaia di Papua ci accolgono nella gioia e nella riconoscenza. Dopo la messa di apertura celebrata la mattina, hanno atteso tutta la giornata cantando. Infatti, invece di arrivare verso le 10 come previsto, siamo arrivate alle cinque del pomeriggio.
Nessun rimprovero, nessun malcontento, niente attenua la loro gioia, il tempo è per la festa nonostante tutti gli imprevisti. Ecco una buona dimostrazione della pazienza dei Papua!

Il Vangelo ha portato frutto; i Papua ne sono coscienti

L'indomani mattina, un'impressionante processione ufficiale inizia sulla spiaggia del mare fino alla cattedrale. Gesto che ricorda l'arrivo dei primi missionari che hanno portato la Buona Notizia dell'amore infinito del Padre per ognuno di loro.
I Papua sono consapevoli che l'annuncio del Vangelo e la sua messa in pratica hanno portato frutto nella loro vita.

Più dura la festa, più la gioia aumenta
Durante il giubileo, ogni giorno della settimana viene celebrata una messa solenne, animata dai diversi gruppi: le donne, i bambini della scuola Montfort, i giovani adulti, i bambini con bisogni particolari e i loro professori, gli uomini ... Vivremo anche due notti indimenticabili di danze accompagnate dai doni offerti da numerosi gruppi venuti dai villaggi circostanti e di tutte le denominazioni. Più dura la festa, più aumenta la gioia, e arrivano sempre più persone da ogni parte per condividere il grande giubilo. Persone di tribù, di lingue, di religioni diverse vivono un'esperienza ecumenica che lascia intravvedere l'unità che Gesù è venuto a portare al mondo.

Persone felici e orgogliose della loro fede
L'esperienza, in questa Papuasia in cui ho trascorso quasi tutta la mia vita, mi rivela persone felici e orgogliose della loro fede, per le quali le diverse religioni praticate attorno a loro non pongono problemi. Tutti e tutte fanno parte delle persone che esprimono la loro riconoscenza per la venuta dei missionari  per ciò che sono stati per loro. Tutti e tutte si sforzano di testimoniare i valori evangelici dell'accoglienza e della condivisione nonostante le loro debolezze e i loro limiti.
La Chiesa, sono loro, la vogliono viva, impegnata, partecipativa e in comunione con tutti. Anche se la pratica domenicale lascia a volte a desiderare per alcuni, la loro fede in Dio spesso è sorprendente. Non esitano a parlarne e a manifestare apertamente la loro fede quando è opportuno.
Alcuni mesi passati in un contesto in cui sono rimessi in discussione i valori religiosi mi immerge in un clima ben diverso. Qui, in Québec, incontro persone che mettono in discussione la loro fede, le pratiche religiose, spesso con ragione. Ciò mi fa riflettere sul nostro lavoro missionario, sul nostro ruolo di trasmettitori dei valori religiosi.


Anch'io divento sempre più consapevole dell'importanza di essere fedele all'integrità della Parola e al modo di proporla rispettando le scelte di ciascuno. La tolleranza, il rispetto delle coscienze e una spiritualità fondata sull'amore sono dei valori da promuovere per costruire una Chiesa che continuerà a crescere e sarà sorgente di pace per tutti i popoli.
Nel nostro annuncio di Gesù Cristo, sono sempre da privilegiare lo spirito delle Beatitudini e il grande comandamento dell'amore. «Ciò che avete fatto al più piccolo dei miei, lo avete fatto a Me», dice Gesù. Ecco le regole d'oro dell'Evangelizzazione!

Article available in Français English Espanol Italiano
Other articles in the section Attualità : Papua Nuova Guinea
Papuasia Nuova Guinea
Papuasia Nuova Guinea
A TU PER TU CON LA SAPIENZA
OLTRE I CONFINI NOMAD PNG
OLTRE I CONFINI NOMAD PNG #2
Dal sogno alla realtà
Papuasia-Nuova Guinea
Navigateurs: Internet Explorer version 10 et +, Firefox et Chrome | Copyright: Filles de la Sagesse 2005-2014 Legals