Attualità : Italia

LIBRINO

LA MISSIONE MONFORTANA A LIBRINO, ITALIA

 

“Lasciati incontrare dalla Misericordia di Dio”: è questo l’invito che i padri, le suore monfortane e alcune famiglie della comunità parrocchiale,“Resurrezione del Signore”,hanno cantato, testimoniato, annunciato per i vialoni di Librino.  In occasione del Tricentenario della morte di San Luigi Maria Grignion da Montfort, missionario apostolico e buon padre dei poveri,  i padri e le suore monfortane hanno pensato di vivere la missione popolare in una periferia…quale meglio di Librino?

 

Un po’ di storia

Librino è un grande  quartiere di Catania, con pochi servizi, senza centri di aggregazione e la parrocchia è l’unico spazio sociale di incontro e solidarietà. Quartiere considerato a rischio delinquenza, dove la droga dilaga e i bambini non vanno a scuola,  ha una comunità parrocchiale, vivace e attenta, impegnata sul territorio, impregnata dalla spiritualità monfortana.

 

Coraggiosamente voluta dal parroco Padre Salvo Cubito e dalla comunità delle suore Figlie della Sapienza presenti nel quartiere dal 1989, questa missione è un soffio di vento fresco in una giornata assolata, perché ha dato nuovo slancio alla comunità parrocchiale e ha raggiunto anche i più lontani. Come direbbe Papa Francesco, si è scelto di andare alle periferie…dell’esistenza. 

 

In strada verso le periferie

Il 7 maggio, festa della Beata Maria Luisa di Gesù, in piena novena di Pentecoste,  il parroco, quattro missionari della Compagnia di Maria, 13 figlie della Sapienza e una quarantina di laici della parrocchia tra cui gli amici della Sapienza, sono pronti per iniziare e l’8 maggio, davanti al Vescovo di Catania, mons Salvatore Gristina, dicono il loro “Eccomi” e ricevono la croce dei missionari.

 

La missione è come un cuore che batte, ha due movimenti:

il primo in uscita per raggiungere, nelle case e nelle scuole, “l’umanità ferita”; i missionari sono andati ad incontrare, ascoltare, annunciare la buona notizia del Vangelo, a visitare i malati.

Il secondo in parrocchia con momenti di preghiera e di festa, come: la Rinnovazioni delle promesse battesimali, l’Intronizzazione della Parola,l’Adorazione della Croce,La lavanda dei piedi e la cena con 100 poveri del quartiere, Il Giubileo di 50 e 60 anni di quattro figlie della Sapienza, La celebrazione della misericordia,Il Pellegrinaggio dal santuario della Madonna della Roccia alla Madonna della Sciara (Belpasso), passaggio della porta santa e contratto di Alleanza

 

Sembra di essere tornati al tempo delle missioni del santo di Montfort!

 

Durante le visite alle famiglie un gruppo di persone si fermano ad adorare Gesù nella tenda dell’Eucarestia, una tenda  posta vicino ai condomini visitati giornalmente. E’ Gesù il centro della missione come della vita di ogni cristiano, di Lui ci si riempie per portarlo,donarlo agli altri.

Si è cercato di raggiungere tutte le fasce di età, dagli anziani agli ammalati,  dai giovani ai bambini, con diverse attività:

  • la processione con flambeaux per i malati,
  •  i giochi senza frontiere e la giornata dello sport, il karaoke,
  • il concorso sul Montfort che ha visto coinvolti più di 160 bambini che, con cartelloni, video, plastici, poesie, un rosario realizzato a mano …. hanno messo in gioco tutta la loro creatività.


Tutto si conclude con la celebrazione eucaristica del 22 Maggio al termine della quale viene benedetta la statua del Padre di Montfort posta fuori, sul piazzale della chiesa. E’ tempo di grazia e di misericordia! Tempo di festa e di gioia! Le serate hanno visto momenti di condivisione e di agape fraterna; la gente nella semplicità  si ferma a chiacchierare e condividere. Si respira un clima di comunione e di famiglia. Il nostro Dio, ogni misericordia, continuare con i nostri Fondatori e la Famiglia monfortana, questo movimento la vita alla periferia di cuori!

Article available in Français English Espanol Italiano

RAVENNA - ITALIA

UN TEMPO FORTE DI PREGHIERA COL FONDATORE E LA FONDATRICE
DELLE FIGIE DELLA SAPIENZA

L’équipe de preparazione: Suore e Amici della Sapienza

Come già negli anni precedenti, abbiamo animato il mese mariano fra le due feste di San Luigi Maria da Montfort e della Beata Maria Luisa di Gesù (Fondatore e Co-Fondatrice delle nostre Suore Figlie della Sapienza) – questa volta, con un’accentuazione particolare: nei giorni 2, 3 e 4 maggio, ricorrenza del tricentenario della morte del Santo, poi il 7, memoria della nascita della Beata.

San Luigi Maria ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca della Divina Sapienza e al servizio multiforme dei poveri. Con questa prospettiva ha scritto diverse opere: trattati, cantici, regolamenti per vari gruppi… Tra queste il più conosciuto è il “Trattato della Vera Devozione a Maria”, tanto amato da San Giovanni Paolo II.

La nostra preghiera per le due commemorazioni si è ispirata al tema proposto dalle Suore a livello internazionale:

“Lasciarsi trasformare dalla dolcezza, dalla compassione, dall’ospitalità di Cristo Sapienza”

tema collegato al vissuto di Montfort e di Maria Luisa: totale abnegazione e dedizione per i poveri.

Per la prima volta, sono gli Amici della Sapienza (Canada) che hanno elaborato linee guida a partire da questo tema.

Noi, piccola équipe formata dalle Suore e da alcune laiche, ci siamo riunite in un clima di serena spiritualità, di convinta partecipazione e di arricchimento reciproco e abbiamo adattato il testo alla nostra realtà di “mese mariano parrocchiale”.

Lo svolgimento delle preghiere, nelle serate mariane indicate, è avvenuto con il coinvolgimento di diversi partecipanti in un’atmosfera di grande devozione e raccoglimento. Impegnata è stata la partecipazione, le modalità con cui si sono svolti gli incontri sono state apprezzate ed hanno permesso anche una preghiera intensa e innovativa.

Al contempo la diversità dei testi (canti, riflessioni, preghiere, decine di Ave) e dei lettori ha diffuso intorno a noi un piacere e una gioia di pregare insieme e di condividere le nostre aspirazioni alla bontà, umiltà e misericordia.

Su richiesta del gruppo, le Suore hanno cantato in francese due strofe del cantico del Montfort: “O Sagesse, venez, le pauvre vous en prie” per evidenziare lo specifico delle origini.

I Santi che abbiamo festeggiato hanno in comune i seguenti tratti in quanto alla loro morte:

stessa ora, stesso giorno, stesso mese, stesso luogo (Saint Laurent-sur-Sèvre – Francia).

Questo ci lascia sorpresi e certi che gli avvenimenti non siano casuali, ma che lasciano in noi un prezioso punto interrogativo verso il Mistero e non soltanto una coincidenza.

Article available in Français English Espanol Italiano
Other articles in the section Attualità : Italia
LIBRINO
RAVENNA - ITALIA
TRICENTENARIO NEL ITALIA
DA LORETO A ORADEA (ROMANIA)
TUTTA LA PROVINCIA E' IN FESTA!
UNA VENTATA D’ARIA FRESCA - RAVENNA-LUGO
La Carovana missionaria
Primo incontro europeo delle Figlie della Sapienza più giovani
Un viaggio nelle Filippine
Mezzo miracolo in Irpina
Navigateurs: Internet Explorer version 10 et +, Firefox et Chrome | Copyright: Filles de la Sagesse 2005-2014