Sezione: JPIC : Giornata Internazionale

Preghiera per la Giornata Internazionale della Nonviolenza 2009

Settembre 2009
Cari fratelli e sorelle in Cristo,

Il 2 ottobre 2009 è un giorno importante per tutti coloro che vivono nel villaggio globale, ma specialmente per quelli tra noi che sono impegnati a vivere la Buona Notizia della pace, della giustizia e della riconciliazione. E’ il giorno in cui si ricorda il compleanno del Mahatma Gandhi, colui che aiutò a portare l’India all’indipendenza e ha ispirato i movimenti per i diritti civili e la libertà in tutto il mondo. Il 15 giugno 2007, nel corso dell’Assemblea Generale, 192 Stati membri delle Nazioni Unite adottarono il Giorno Internazionale della Nonviolenza.

Il ‘nuovo metodo di mobilitazione delle masse e di azione nonviolenta’ del Mahatma Gandhi mise fine al colonialismo in India, e allo stesso tempo rafforzò le radici della sovranità popolare, dei diritti civili, politici ed economici. Egli è divenuto un’icona per tutti coloro che, ovunque nel mondo, credono nella nonviolenza come uno stile di vita e come il modo migliore per superare l’oppressione. Per molti cristiani, la nonviolenza è una via evangelica di pace e riconciliazione. Il punto centrale non è soltanto liberare gli oppressi, ma anche operare per liberare gli oppressori. Secondo le parole di Martin Luther King jr, “Nonviolenza significa evitare non solo la violenza fisica esteriore, ma anche l’interiore violenza dello spirito”.

Vi invitiamo e vi chiediamo di condividere la preghiera qui acclusa con i membri del vostro Istituto. Inoltre, vi incoraggiamo a diffondere l’utilizzo di questa preghiera nelle parrocchie, nelle scuole, nei collegi, nelle università e nelle altre realtà pastorali e ministeriali della vostra Congregazione, come pure a mandare il testo della preghiera a coloro che collaborano con voi nei ministeri.

La preghiera è stata preparata da p. John Dear sj [www.johndear.org] per conto della Commissione Giustizia, Pace e Integrità del creato dei Superiori degli Istituti Religiosi (USG/UISG) di Roma. E’ la terza di una serie di preghiere per celebrare specifiche Giornate Internazionali indette dall’ONU.

Si stanno preparando almeno altri due testi di preghiera per le Giornate Internazionali del 2010: per l’8 marzo, Giornata Internazionale della donna e per il 17 giugno, Giornata Internazionale per lo sradicamento della povertà.

Siete liberi di adattare la preghiera alle circostanze particolari in cui vi trovate. Come alternativa, potreste considerare la possibilità di usare questa preghiera per la Giornata Internazionale della Pace, il 21 settembre.

Questi testi, come anche quelli precedenti per la Giornata Internazionale della Giustizia Sociale (20 febbraio) e per la Giornata Internazionale dell’Ambiente (5 giugno) sono reperibili in jpicformation.wikispaces.com.

Preghiera per la
Giornata Internazionale della Nonviolenza

2 ottobre 2009

Canto d’inizio, sulla pace
Accoglienza/Introduzione

(Guida) Nel nome del Dio della pace, del nonviolento Gesù, e del Santo Spirito dell’amore.

Cari amici, benvenuti a questo momento di preghiera durante la Giornata Internazionale della nonviolenza.
Iniziamo dedicando qualche minuto a guardare chi ci sta intorno e a presentarci.

Facciamo un profondo respiro e rilassiamoci, per renderci conto di come ci sentiamo oggi, per accogliere noi stessi ed entrare alla presenza del Dio della pace che ama ciascuno, che ti ama infinitamente e senza condizioni. Accogliamo Gesù, il risorto, il nonviolento, nella nostra comunità di pace e nei nostri cuori, per respirare nel suo Santo Spirito di pace e di nonviolenza.

In un minuto di silenzio, ringraziamo per tutti i doni di amore e di pace che abbiamo ricevuto nella nostra vita dal Dio dell’amore e della pace. Chiediamo a Dio di perdonarci per tutte le volte in cui abbiamo rifiutato queste benedizioni di amore e di pace, per tutte le volte in cui abbiamo scelto la violenza invece della nonviolenza, per tutte le volte in cui abbiamo ferito gli altri e sostenuto la cultura della violenza e della guerra. Pentiamoci della nostra violenza e chiediamo la grazia di divenire persone che vivono la nonviolenza evangelica.

(silenzio)
Rispondiamo, “Dio della Pace, abbi pietà di noi”!

Gesù, tu hai rinunciato alla violenza, hai amato tutti, hai praticato la nonviolenza, hai dato un volto alla pace, hai resistito all’ingiustizia, e hai dato la tua vita con un perfetto amore nonviolento per l’umanità. Dio della Pace, abbia pietà di noi.

“Dio della Pace, abbi pietà di noi”!

Gesù, tu ci chiami a rinunciare alla violenza, ad amare ciascuno, a praticare la nonviolenza, ad opporci alla guerra, a smantellare le armi nucleari, a resistere all’ingiustizia, a dare un volto alla pace e ad amare i nemici. Dio della Pace, abbi pietà di noi.

“Dio della Pace, abbi pietà di noi”!

Gesù, tu sei il nostro Signore e Salvatore, il nostro Fratello e Amico, la nostra vita, la nostra speranza, la nostra pace. Dio della Pace, abbi pietà di noi.

“Dio della Pace, abbi pietà di noi”!

Preghiera iniziale (Tutti)

Dio della pace, sii con noi in questo momento: ci pentiamo della nostra violenza e ascoltiamo la tua parola di pace. Aiutaci a divenire il tuo popolo santo della nonviolenza evangelica; che noi possiamo seguire Gesù, il nonviolento, amarci l’un l’altro, amare i nostri nemici, riconciliarci con ciascuno, resistere all’ingiustizia e perseguire un mondo nuovo senza guerra, povertà, armi nucleari, riscaldamento globale o violenza. Te lo chiediamo nel nome del nonviolento Gesù, nostro fratello e nostra pace.

Prima lettura

Dal libro del profeta Isaia [2,2-5]

Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti.
Verranno molti popoli e diranno: «Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri».
Poiché da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore.
Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli.
Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra.
Casa di Giacobbe, vieni, camminiamo nella luce del Signore.

Salmo responsoriale

(Guida) Il testo del salmo responsoriale è preso dal Salmo 46.
Rispondiamo: “Dio mette fine alle guerre”.

“Dio mette fine alle guerre”.

Dio è per noi rifugio e forza,
aiuto sempre vicino nelle angosce.
Perciò non temiamo se trema la terra,
se crollano i monti nel fondo del mare.
Fremano, si gonfino le sue acque,
tremino i monti per i suoi flutti.
Il Signore degli eserciti è con noi,
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

“Dio mette fine alle guerre”.

Un fiume e i suoi ruscelli rallegrano la città di Dio,
la santa dimora dell’Altissimo.
Dio sta in essa: non potrà vacillare;
la soccorrerà Dio, prima del mattino.
Fremettero le genti, i regni si scossero;
egli tuonò, si sgretolò la terra.
Il Signore degli eserciti è con noi,
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

“Dio mette fine alle guerre”.

Venite, vedete le opere del Signore,
egli ha fatto portenti sulla terra.
Farà cessare le guerre sino ai confini della terra,
romperà gli archi e spezzerà le lance,
brucerà con il fuoco gli scudi.

“Dio mette fine alle guerre”.

Fermatevi e sappiate che io sono Dio,
eccelso tra le genti, eccelso sulla terra.
Il Signore degli eserciti è con noi,
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

“Dio mette fine alle guerre”.

Seconda lettura

Selezione dai discorsi del Mahatma Gandhi.

“La nonviolenza è la forza più grande a disposizione dell’umanità. E’ più potente delle più potenti armi di distruzione concepite dall’ingenuità dell’umanità. La nonviolenza non è passività in qualsiasi forma; è la forza più attiva nel mondo. E’ la legge suprema. Come uno deve imparare l’arte di uccidere allenandosi alla violenza, così uno deve imparare l’arte di morire allenandosi alla nonviolenza. Una persona che nella vita è capace di esprimere nonviolenza, esercita una forza superiore a tutte le forze della brutalità. In questi giorni, ci stupiamo continuamente delle scoperte straordinarie nel campo della violenza, ma affermo che scoperte ancor più inimmaginabili e apparentemente impossibili saranno fatte nel campo della nonviolenza. Il mio ottimismo risposa sulla fede nelle possibilità infinite dell’individuo di sviluppare la nonviolenza. Quanto più la sviluppate in voi stessi, tanto più diviene contagiosa, fino a inondare lo spazio attorno a voi e in breve dilagare in tutto il mondo. Dobbiamo operare la verità e la nonviolenza non tanto come mera pratica individuale, ma come pratica di gruppi, di comunità, di nazioni. Questo, in ogni caso, è il mio sogno. Quando la pratica della nonviolenza diverrà universale, Dio regnerà sulla terra come regna in cielo”. [From: “Mohandas Gandhi: Essential Writings,” a cura di John Dear, Orbis Books, New York, 2002.]

Terza lettura

Dal vangelo secondo Luca [6,27-36]

In quel tempo, Gesù disse: «A voi che ascoltate, io dico: Amate i vostri nemici, fate del bene a coloro che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi maltrattano. A chi ti percuote sulla guancia, porgi anche l’altra; a chi ti leva il mantello, non rifiutare la tunica. Da’ a chiunque ti chiede; e a chi prende del tuo, non richiederlo. Ciò che volete gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro. Se amate quelli che vi amano, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se fate del bene a coloro che vi fanno del bene, che merito ne avrete? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, che merito ne avrete? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e il vostro premio sarà grande e sarete figli dell’Altissimo; perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi. Siate misericordiosi, come è misericordioso il Padre vostro».

Silenzio di riflessione dopo le letture

Preghiere di intercessione per la nonviolenza

(Guida) Rispondiamo, “Dio della Pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Affinché diveniamo il popolo della nonviolenza secondo il Vangelo, permettendo a Dio di disarmare il nostro cuore dalla violenza che lo abita, e per tutto il resto della nostra vita siamo nonviolenti verso noi stessi e verso ogni persona che incontriamo, preghiamo:

“Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Perché pratichiamo la nonviolenza come fece Gesù, cresciamo nella comprensione della sua nonviolenza creativa ed obbediamo al suo comandamento della nonviolenza: “metti via la spada”, sii misericordioso come Dio”. “ama i tuoi nemici”, preghiamo:

“Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Affinché possiamo conoscere e lodare Dio quale Dio della pace e della nonviolenza, colui che “fa sorgere il sole sui buoni e suoi malvagi e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti”; affinché diveniamo operatori di pace, persone che aiutano a mettere fine alla guerra e creano una cultura di nonviolenza, e così portiamo a compimento la nostra vocazione di diletti figli e figlie del Dio della pace, preghiamo:

“Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Affinché la Chiesa sia la comunità mondiale della nonviolenza evangelica; affinché non benedica mai la violenza né giustifichi ancora la guerra; affinché sostenga e benedica le campagne nonviolente per la giustizia e la pace e sempre insegni, pratichi e prenda ad esempio la nonviolenza di Gesù, preghiamo:

 “Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Affinché si metta fine a guerra, povertà, fame, razzismo, sessismo, esecuzioni capitali, tortura, aborto, armi nucleari, riscaldamento globale e violenza in ogni sua forma, preghiamo:

 “Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Affinché sorga una nuova generazione di operatori di pace, nuovi maestri, profeti, apostoli, sostenitori, difensori e santi della nonviolenza evangelica, che aiutino il mondo a convertirsi dalla violenza alla nonviolenza, che ci guidino nel rigettare la guerra e le armi nucleari, nel riconciliarci l’uno con l’altro e nel creare una nuova cultura di pace e di nonviolenza, preghiamo:

 “Dio della pace, ascolta la nostra preghiera”.

* Intenzioni spontanee [in silenzio o a voce alta, a seconda del gruppo].

(Guida) Dio della pace, ti ringraziamo di ascoltare la nostra preghiera, tutte le preghiera che portiamo nel cuore, tutte le preghiere dell’intera umanità. Te le offriamo nel nome del nonviolento Gesù.
Amen.

Preghiera del Signore

(Guida) Prima di recitare insieme la Preghiera del Signore e chiedere che venga sulla terra il regno nonviolento di Dio e che Dio ci perdoni, facciamo un momento di silenzio per ricordare chi ci ha ferito e perdonarlo, così da essere pronti a chiedere a Dio di perdonarci “come noi perdoniamo coloro che ci hanno offeso”.

(silenzio)

Tutti recitano insieme la Preghiera del Signore a voce alta.

Impegno per la nonviolenza

(Guida) Invito tutti coloro che si sentono pronti a recitare insieme questo impegno di nonviolenza; cercheremo di mettere in pratica e di vivere la nonviolenza di Gesù per il resto della nostra vita:

Nel nome del Dio della pace e del nonviolento Gesù,
mi impegno oggi e vivere, praticare e insegnare la nonviolenza di Gesù,

  • a rinunciare alla violenza e a non cooperare con la violenza del mondo;
  • ad amare ciascuno come mia sorella e mio fratello;
  • a rispondere con l’amore e a non reagire con violenza;
  • a perdonare coloro che mi hanno ferito e a riconciliarmi con ciascuno;
  • ad accettare la sofferenza nel mio operare per la giustizia, piuttosto che infliggere altre sofferenze;
  • a vivere on maniera più semplice, in unità con tutta la creazione;
  • a lavorare con gli altri per l’abolizione della guerra, della povertà, delle armi nucleari, del riscaldamento globale e di ogni violenza;
  • a seguire il nonviolento Gesù sulla via della croce nella nuova vita dei risorti, sapendo che la mia vita è nelle mani di Dio, che la vita, l’amore e la pace sono più forti della morte, dell’odio e della guerra;
  • a cercare il regno di Dio della nonviolenza per il resto della mia vita;
  • e a promuovere ed insegnare il messaggio evangelico della nonviolenza.

Il Dio della pace mi doni la grazia e la forza di compere questo impegno e faccia di me uno strumento della sua pace.

Preghiera finale

(Guida) Preghiamo.
(momento di silenzio)

Dio della pace, ti ringraziamo di averci chiamati a seguire il nonviolento Gesù sulla via della pace. Aiutaci a divenire il tuo popolo santo della nonviolenza evangelica.
Disarma i nostri cuori affinché siamo strumenti del tuo amore disarmante.
Rendi la tua Chiesa una comunità della nonviolenza evangelica, che rigetti la guerra e irradi il tuo amore e la tua pace.
Donaci la tua benedizione perché amiamo i nostri nemici, ci riconciliamo con tutti e con ciascuno, resistiamo all’ingiustizia e diffondiamo la pratica della nonviolenza.
Donaci un mondo nuovo, senza guerra, povertà, armi nucleari, riscaldamento globale o violenza.
Donaci il tuo regno di nonviolenza, qui e ora.
Te lo chiediamo nel nome del nonviolento Gesù, nostro fratello e nostra pace.

Benedizione finale

(Guida) Il Dio della pace, che vi ama infinitamente, vi benedica con abbondanza, Lui che è il Creatore della pace, il Cristo della pace e lo Santo Spirito di pace.
Amen.

Dopo il canto finale, concludiamo offrendoci a vicenda un segno di pace.

Canto finale, sulla pace

Scambio della pace

Guida: “La Pace di Cristo sia con voi!”.

Tutti: “E con il tuo spirito!”

Guida: Alla fine del nostro momento di preghiera, vi invito a salutarvi l’un l’altro con il segno della pace, e ad andare nella pace che Gesù, il nonviolento, ci dona.

(Ciascuno offre all’altro un segno di pace)

-
Article available in Français English Espanol Italiano
Other articles in the section JPIC : Giornata Internazionale
Preghiera per la Giornata internazionale delle donne 2010
XLIII Giornata mondiale della Pace 1-01-2010
Preghiera per la Giornata Internazionale della Nonviolenza 2009
Giornata mondiale dell’ambiente : Preghiera 2009
L’Acqua : un diritto per tutto e tutti! 2009
Giustizia 20 Febbraio 2009
Navigateurs: Internet Explorer version 10 et +, Firefox et Chrome | Copyright: Filles de la Sagesse 2005-2014